lunedì 23 marzo 2015

Deliri nella note nebbiosa di una mente incerta.

Cammino su un sentiero oscuro.
La luce della luna è quasi scomparsa, fra le nuvole e le fronde degli alberi.
Cammino su un sentiero oscuro e se lo perdessi mi smarrirei nel bosco, senza più poter uscire.
Non c'è luce nei miei pensieri.
Non c'è luce nella mia stanza.

C'è solo buio.

Un buio palpabile. Un buio opprimente.

Senti l'odore del buio, ricorda l'angosciosa aria stantia di una teca chiusa l'anno scorso.

Ascolta il suono del buio, solo flebili fiumi che scorrono al ritmo del tuo cuore incerto.

Senti il sapore del buio, come il ferro del sangue che senti mentre di mordi la lingua.

Puoi provare a guardarlo il buio ma riesci al massimo a vederlo. Non esiste un punto da guardare nel buio: è come se i tuoi occhi osservassero ogni cosa nello stesso istante.

Il sensto senso mi dice di diffidare del buio ma al tempo stesso della luce, perché è solo grazie alla luce se si creano le ombre.

Nel buio non so come orientarmi e forse non importa davvero sapere dove si stia andando, finché ci si vada con il cuore sereno.


25 commenti:

  1. Il buio è triste di solito. Perché lo temiamo. Lui giocherebbe volentieri invece. A mosca cieca è un mostro, ad esempio.

    RispondiElimina
  2. Il buio è assenza di luce, semplicemente.
    Ma l'assenza di luce non fa paura a chi la vive con estrema consapevolezza. E tu mi sembri consapevole. Eccome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assenza di luce o presenza di oscurità? Chi può saperlo davvero?
      Se c'è luce, significa che ci sono fotoni, ma se non c'è luce, al posto dei fotoni cosa c'è? Nulla? Spazio "vuoto"?
      Quando si passano tante notti insonni immerse nel buio, è inevitabile diventarne consapevoli ed imparare a conoscere ciò che ci circonda.

      Elimina
  3. Una delle cose che credo spaventi del buio, è che amplifica tutto. Nel momento esatto in cui si azzera il senso più "abusato" - la vista - è come se tutti gli altri prendessero il sopravvento. E io trovo sia una sensazione meravigliosa, rendersi conto di quanto il nostro corpo sia complesso e potente e strutturato per la sopravvivenza. Certo, sensazione meravigliosa se si resiste alla prima, quella disturbante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono mole le esperienze che offrono sensazioni simili (di crescita, previo superamento del muro iniziale) ma poche sono naturali come il buio in cui possiamo semplicemente trovarci alla notte.

      Elimina
  4. Bel post Apprendista Nocchiero - a sfondo molto cupo e buio però .......

    Trovo che la Luce sia mille volte preferibile al buio. Nonostante abbiano la stessa importanza, fondamentalmente. Senza il Buio non ci sarebbero le ombre ;-)
    E nonostante ciò io ho bisogno della luce e del Sole per vivere :-) cambio umore nella stagione invernale :-)

    Buon pomeriggio e migliore settimana appena inizaita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel buio navigano le idee meno chiare e più pure.

      Elimina
  5. Il buio sa essere veicolo di intimo terrore, di quella piacevole sensazione che comunque alla fine ti dona pace...

    Moz-

    RispondiElimina
  6. E le ombre che scorgi nel buio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son solo riflessi delle ombre che stanno dietro ai nostri occhi.

      Elimina
  7. il buio può essere affascinante per chi non si suggestiona facilmente come me ;), o per chi non ha pensieri troppo pesanti, chi ha un'anima quieta sta bene sia nella luce che nell'oscurità, io sono una via di mezzo .. heheh.
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è saper stare bene in entrambe le situazione, dal momento che entrambe fanno parte della quotidianeità.

      Elimina
  8. Io credo che l'alternanza del buio e della luce, del nero e dei colori, consenta in linea di massimo di raggiungere equilibri pur fragili.
    Ma pur sempre equilibri.
    Il buio fa parte del gioco.
    E la luce é bella anche se genera ombre ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gioco di cui non conosciamo le regole. Di cui sappiamo chi siamo noi ma non sappiamo chi giochi contro di noi e quale sia la posta in palio.
      Un gioco, cui siamo costretti a partecipare con troppe incognite.

      Elimina
    2. Proprio le incognite consentono il gioco.
      Di fronte alla certezza non c'é margine per alcuna scelta, o per rischiarsela.

      Elimina
    3. Ed io adoro rischiare buttandomi nell'incerto.

      Elimina
    4. E quindi l'incerto uno se lo deve prendere come viene... ;-)

      Elimina
  9. che bello scritto Apprendista! Chapeau!

    RispondiElimina
  10. Non mi piace il buio, mi da' ancor più inquietudine di quello che porto sempre con me.
    Ho timore di non sapere cosa ci sarà a pochi metri da me,e paura di affidarmi completamente ad altri sensi, diversi dalla vista.
    Eppure riflettendoci mi accorgo che ho vissuto anni nel buio psicologico, nella morte interiore, nel gelo del cuore e devo dire che è stato utile. Utile perchè mi ha fatto capire quanto sia bella la luce e ad accettare il buio, nonostante tutto.
    Bel post, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando non puoi scegliere dove vivere puoi solo accettare ciò che hai ed imparare ad apprezzare le piccole conquiste di ogni giorno.

      Elimina
  11. Che odore strano, l'odore del buio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è forse, lo stesso odore della materia di cui sono fatti i sogni?

      Elimina