sabato 24 giugno 2017

Creature della notte

Sono le 3, circe, ed ho voglia di scrivere.
In effetti è un po' che vorrei scrivere in questa fascia oraria, quella della notte.
Ma quand'è che inizia davvero la notte?
Non posso dire che inizi al calar del sole, così come non posso dire che inizi allo scoccare della mezzanotte.
La notte, quella vera, inizia quando tutti dormono e viaggiano nelle valli del sogno e fra i vicoli oscuri della propria mente.
Quando la città è morta e deserta, comefosse disabitata.
Eppure, nella notte piena di lampioni, lantenre semaforiche lampeggianti e serrande abbassate, scrutando con attenzione, si vedrà che c'è della vita, nascosta fra il dedalo di vie che forma la città. Non parlo dei senzatetto addormentati nei luoghi più disparati, no.
Parlo degli abitanti della notte, quelle persone che non dormono ma vagano per la città, seguendo un iter noto a loro soltanto.
Parlo del pensionato che passeggia per le vie, fermandosi di tanto in tanto a leggere una locandina o a visionare come sia stato chiuso un cantiere. Della madre impiegata che porta fuori il cane. Dei giovani ancora in giro, indecisi se rimanere a chiacchierare sui graqdini della chiesa sorseggiando una birra calda e sgasata o se tornare a casa per dormire fino a mezzogiorno.
Parlo delle pattuglie, sempre in movimento nelle vie principali della città. Dei rari automobilisti. Degli amanti che si sono attardati sulla spiaggia. Dei panettieri che lavorano nella pace di chi dorme. Del furgone che porta i giornali alle edicole.

In questo clima, tutto sembra differente, come se un'aria vittoriana avvolgesse la città per poche ore alla volta ed in tempo si rifiutasse di scorrere, sebbene a conti fatti non si fermi per nessuno.

Eppure le stelle che guardi sono le stesse che vedono loro. Il cielo che condividiamo è unico. Viviamo la stessa città, anche se ne occupiamo facce differenti.

Di rado, capita che qualche abitante del giorno visiti il reame notturno ed ancora più raramente capita che tale passante si accorga della strana vita che regna questo tempo e ne rimanga affascinato, come se si trovasse in un paesaggio dipinto da una mente visionaria, troppo immersa nella realtà delle cose per poterla vedere con chiarezza.

Perché a volte non serve lasciare la propria casa per visitare un luogo nuovo.

3 commenti:

  1. Ogni volta che penso a una cittadina di notte, mi viene in mente qualcosa di anni '80 o primi anni '90, non so perché.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. E' bella questa descrizione, potrebbe apparire frutto di pura fantasia, anche se non lo è.
    Sono due mondi che si sfiorano senza toccarsi mai: il giorno e la notte, la luce e il buio e le ragioni del vivere in uno dei due mondi si colora di ipotesi e di suggestioni, volendo anche molto letterarie...

    RispondiElimina
  3. Apprendista, stavo dando una sistemata al mio blog e sono arrivata da te per rinfrescare la memoria, e trovo questa chicca che fa pensare e affiorano ricordi di notti lontane, in cui magnifiche pietre barocche riprendevano la loro identità... quando tutto era chiuso e loro nel silenzio mostravano tutta la loro bellezza. Anche le cose la notte hanno un'altra vita.

    RispondiElimina