domenica 10 luglio 2016

Quando andare al mare non basta.

Ci sono giornate vuote e giornate piene.
Giornate prive di significato e giornate che meritano di venir raccontate.
Oggi era il mio giorno libero.
Non avevo programmato nulla di particolare, anzi, assolutamente nulla.
L'idea principale era di stare a casa in totale relax.
T-O-T-A-L-E.
Ed il gatto lavorava.
Mattina, finisce che mi sveglio alle 8.30.
Che fare?
Boh, mi metto a guardare un po' l'internet, una puntata di un telefilm, colazione.
Poi decido di dare un senso alla giornata.
Vado in palestra.
Poi mare? Si potrebbe. Boh, chissà. Il gatto mi lascia carta bianca, tanto lei lavora.
In palestra un curioso individuo mi scambia per Daniele Silvestri, accorgendosi ben presto che...beh, no....
Arrivo a casa ancora in dubbio se andare a spiaggiarmi come un capodoglio sulla scogliera o restare a casa in totale relax e magari uscire la sera.
Vince la pigrizia.
Mi armo di te freddo, patatine e telefilm.
Faccio per partire ma guardo il cellulare.
Telegram mi dice che c'è un messaggio.
"Qualcuno vuole venire a farsi un giro in barca tra un'oretta e mezza?"
Subito mi offro volontario: quando mi capita di esser libero quando esce con la barca?
Insomma mi viene a recuperare un amico, recuperiamo un'altra amica. Mi ero procacciato delle birre ed una bottiglia di vino per il viaggio.
Certo, eravamo una compagna bizarra in barca.
Io, che non bevo birra (per questo il vino);
Lui, che beve birra (per questo la birra);
Lei, che è ciliaca e non può bere birra (e si era presa la Peroni gluten free).
Relax in mezzo al mare, accando alla costa, le onde che ci cullavano (un po' di mal di mare, lo ammetto), sole. Cosa si può voler di più?
Al rientro mi asi pone una scelta.
Posso guidare la barca fino al porto...oppure...
Beh, ho scelto la seconda opzione.
Certo, navigare è bello ma volete mettere come sia stare a prua, sdraiato sulla barca come una polena, mentre lo scafo infrange le onde?
Quando il mare è così vicino da essere reale, nulla è davvero importante, ad eccezione della vita che si conduce e di chi si abbia accanto.
Davvero un pomeriggio alternativo, rilassante e meraviglioso.

Ah, con un'eccezione.
In barca lui ha acceso la radio.
...
E' partita "Salirò" di Daniele Silvestri, come prima canzone.

E allora ditelo che mi prendete in giro, no?

19 commenti:

  1. Ieri Baricco. Ho dato cosi senso alla mia giornata che le prossime trenta/quaranta vagheranno in uno squassante anonimato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo Franco, ad Agosto passo io a Roma e dopo avermi conosciuta altro che Baricco :-P

      Elimina
    2. Fino al tredici ci sono.. vedi di non fare scherzi e fatevi vivi davvero!! ..ti ci scappa anche una cena in terrazza sotto le stelle volendo... ;)

      Elimina
    3. Non contare me, io è difficile che mi sposti così tanto...

      Elimina
    4. Baricco anche su di me ha un effetto simile.

      Elimina
    5. Baricco anche su di me ha un effetto simile.

      Elimina
  2. E pensare che io il mare ce l'ho a due passi ed ancora non ho preso neanche il costume...
    Io ho un cognato con la barca. Dopo aver capito come salirci senza fare la figura della babbea e rompermi qualcosa, è stato carino farsi cullare dalle onde tranquille e lasciarsi perdere in quel blu maestoso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Approfitta del mare finché è bel tempo e finché hai il tempo di farlo

      Elimina
  3. Vabbè, se è partita anche "Saliró"... è un segno degli dei xD
    È passato tanto tanto tempo dalla mia ultima gita in barca e da quello che ricordo si, è davvero rilassante... guardare il mare da una barca da' una bella sensazione, di quiete...
    Ps dalla foto vedo quel folle del Para, giusto? Salutamelo quando lo vedi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commodoro Paravano a rapporto. Sarai serviva quanto prima. ;-)

      Quiete sì ma si rischia l'ustione

      Elimina
  4. Io mi accontento di un giro in barca sul grande fiume Po..
    Ma, avendo paura dell'acqua, il più delle volte mi cago sotto. Però è bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il grande mare Po, lo chiamava Sedobren gocce...ma questa è un'altra storia. Nel Po non ho mai navigato. Troppo lontano. A volte ho navigato col canotto lungo il Tagliamento, ma credo sia differente :-p

      Elimina
  5. mi sono rosolata in barca, questi giorni :D

    ma daniele silvestri? :)))



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cose che capitano...
      Ma era già successo che mi paragonassero a lui...

      Elimina
  6. Mi hanno scambiata per una tronista di uomini e donne.....mi sono quasi offesa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh o tronista o corteggiatrice...cmq di quel programma demenziale.

      Elimina
    2. Boh o tronista o corteggiatrice...cmq di quel programma demenziale.

      Elimina
    3. A volte mi scambiano per me stesso ed è il momento in cui maggiormente mi diverto a smentire le loro certezze

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina