mercoledì 25 maggio 2016

In caduta libera

All'insonnia si associano gli attacchi d'ansia immotivati.
Inizia quel periodo. Da qui si può solo peggiorare.

Forse mi vedrete più spesso o forse meno

21 commenti:

  1. Insonnia. Ansia.
    Più peggio.

    Oddio... come posso aiutarti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi un cucchiaio. Servirà a raccogliere i pezzi alla fine.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Possibile. Magari ne risente il sistema nervoso, invece di quello respiratorio

      Elimina
    2. Non credo. È periodico da prima che iniziassi a bere caffè e prima bevevo te ma poco

      Elimina
  3. Se scrivi butti tutto fuori ansia, paure, dubbi.
    Conosco questi periodi, ma ho sempre scritto ovunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per scrivere devo aver un soggetto ed il tempo di farlo. E spesso entrambe le cose vengono a mancare

      Elimina
  4. Se scrivi butti tutto fuori ansia, paure, dubbi.
    Conosco questi periodi, ma ho sempre scritto ovunque.

    RispondiElimina
  5. Scegli di scrivere comunque: meglio opporre l'attività all'ansia e allo scivolamento nella depressione.
    Forza, Noc!
    :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho smesso di farmi fermare da queste cose. Ho una volontà di ferro ed è difficile fermarmi

      Elimina
  6. Gli attacchi d'ansia non sono mai immotivati, lo sai. E' un modo come un altro del nostro corpo per dirci "basta" quando noi insistiamo e facciamo finta di non ascoltarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente c'è una ragione e mi infastidisce non capirla.

      Elimina
  7. scopro che hai un blog solo ora...chiedo venia, leggerò.
    Ansia..eh quanti post gli ho dedicato.
    Sono totalmente d'accordo con Lola, sono stata anche in analisi per questo, soldi e tempo buttati, certo conosco me stessa profondamente, ma l'ansia non passava...perché serve la chimica, dosata bene, monitorata ma vince la chimica.garantito.Se ti fa piacere saperlo, a me rincuorò, anche Verdone e Alessandro Gassman e Vanessa incontrata ne soffrono, e come me dopo l'esperienza analisi risolvono con la chimica...perché ti dico questo? perché spesso noi ansiosi pensiamo di essere "alieni" ne parliamo poco, ce ne vergognamo, mentre l'approccio è sapere che è come una brutta influenza, prendi le medicine passa, ricaduta ? prendi le medicine passa...se la tratti come un malessere comune, tipo il raffreddore, la sminuisci di intensità.sapere che personaggi così detti " famosi" ne soffrono aiuta a non sentirsi uno sfigato.Scusa sono stata lunga e forse anche presuntuosa nell'assumermi il ruolo saccente, ma so bene come ci si sente, volevo solo tenderti una mano :)
    ciao!

    RispondiElimina
  8. dopo che ti ho letto random, per un po'...cacella il mio commento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chimica... la chimica mi affascina e mi inquieta al tempo stesso. Non è una di quelle soluzioni che vorrei adottare, perché la vedo solo come un palliativo. Il corpo deve avere la forza di superare questo ostacolo o deve farlo la mente, dato che è lei ad essere principalmente afflitta da questo male.

      Elimina
  9. per questo ti ho detto poi, di cancellare...sei giovane hai tempo e voglia di capire, è quasi scontato.La chimica è per chi sa che, nonostante tutto quello che c'era da capire di se, ci saranno cose che non potrai cambiare mai, e che sempre ti tenderanno un agguato, allora si va di palliativo.
    l'intelligenza e la bravura del medico, non la renderanno una dioendenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io non ho intenzione di cancellare l'opinione ed il consiglio che mi hai voluto dare, perché ogni voce ha valore

      Elimina