sabato 17 gennaio 2015

My last 5 travels

So che sono le 3 del mattino ma non ho sonno e mi annoio.
Quindi faccio questio gioco in cui mi ha taggato Misa.
In sostanza,
1) scegliere 5 mete
2) taggare altri 5 bloggers [ma io vi taggo tutti perché mi piacerebbe sapere dove andrebbe ognuno di voi]
3) Condividere il proprio post sui social con l'ashtag #mylast5travels

Confesso che non sono mai stato un amante dei viaggi e che solo negli ultimi tempi sto scoprendo che non è male. Quindi proviamo a capire dove potremmo voler andare.

 La grande Madre Russia.
Mi son sempre sentito attratto dalla patria degli Zar. Fredda ed eterna. In qualche modo, casa.

Egitto.
In qualche modo, anche questa meta la sento come fosse casa mia, una delle mie case di tempi remoti e scomparsi.
 
Germania.
Non la sento come casa, però è un luogo che mi piacerebbe visitare. Credo mi piacerebbe soprattutto da un punto di vista culinario.

 Canada.
Trovo che sia un mondo parallelo ai confini della realtà (un po' come la Siberia).

L'ultimo viaggio vorrei farlo per mare. Prendere una delle caravelle di Colombo e raggiungere il limite del mondo.

Giacché è tardi e non ho voglia di taggare nessuno, lascio che chi abbia voglia, faccia questo gioco.

27 commenti:

  1. L'Egitto te lo passo perché l'ho nel cuore. Le piramidi di gran lunga la cosa, se non più spettacolare - ma forse anche si - che più incute ammirazione e soggezione. Ed anche l'unica costruzione al mondo della quale nessuno è riuscito ancora a concepire l'esatto meccanismo di origine, nonostante studi, prove e ricerche. Le piramidi stanno lì. Pazzesche. A ridurti anima e cervello in pappa.
    (però.. mo' la metto su tripadvisor.. )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Architettonicamente sono un mistero interessante e privo di soluzioni attualmente (a quanto ricordo, nemmeno oggi saprebbero come farle).

      Elimina
  2. Tutte belle mete ^^ Le mie non sono così varie .. adoro i paesi del nord .. Ma prima di tutto vorrei visitare l'Irlanda.
    Prima o poi spero di poterci andare ^^ e spero che tu raggiunga le tue di mete ^^
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono una persona "poliedrica". Difficilmente mi piacciono due cose simili o uguali.

      Elimina
  3. Risposte
    1. E' un luogo magico, nonostante il progresso lo abbia rivestito di novità.

      Elimina
  4. Condividiamo il Canada, ovviamente passando a Nord-Ovest, per Twin Peaks ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dire che il Canada l'ho scelto per puro caso.
      Oltre a quanto ho scritto, per qualche arcana ragione mai scoperta, attorno ai 15 anni avevo una sciarpa verde con scritto "Canada" e la sventolavo a mo' di bandiera.

      Non sapevo ci fosse ambientato Twin Peaks...un amico amante del regista mi ha promesso che mi passerà la serie completa

      Elimina
  5. In tanti stan mettendo l'Egitto :D Meta gettonatissima!!! Hai messo parecchie mete messe pure da noi, originale invece l'idea del viaggio per mare... non è proprio per niente una brutta idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fin dei conti, conta più il viaggio in sé, piuttosto che la destinazione, no?

      Elimina
  6. Non sapevo ci fosse un gioco come questo in internet.
    Tempo fa ci avevo fatto un post sui luoghi nei quali vorrei andare.
    Lasciando stare le solite mete, mi piacerebbero l'Islanda e il Sudafrica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, ti piacciono gli estremi del mondo.

      Elimina
  7. San Pietroburgo in Fredda Madre Russia :)

    Quando partiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tentarmi.
      Potrei telefonarti appena ho ferie.

      Elimina
  8. Io sono stata a Berlino e l'ho AMATA. Spero di tornarci presto. E la Russia piacerebbe tanto anche a me!

    RispondiElimina
  9. Io ho sempre viaggiato molto. Zaino in spalla, qualche soldo, un libro, musica e una buona cartina. Il cellulare sempre lasciato a casa. Insomma, un po' da outsider, ma a me piace così :)
    Ma la madre russia mi manca. E, insieme al Sud Africa, mi ispira molto. Egitto e Canada, belli da morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al contrario, io ho sempre viaggiato molto poco. Forse perché più dei luoghi a me piace osservare le persone e quelle le si trovano ovunque.
      Perché fare il turista quando posso osservare i turisti in casa mia.

      A volte, però, sentirei davvero il bisogno di partire per qualche luogo lontano da casa, sedermi al tavolino di un bar ed osservare gli avventori in "casa loro".

      Elimina
    2. Questa cosa l'ho fatta a Parigi in metro, tantissime volte. E in Irlanda, fuori dai piccoli pub. L'Irlanda, che amore infinito. La gente ha una faccia che mi fa venire voglia di abbracciarla. Persone che ogni giorno vivono una vita dura sfidando anche un tempo che da loro è inclemente davvero. E la sera hanno ancora il gran dono di sapersi godere una pinta di birra e un buon whiskey ascoltando un reel e ridendo tra amici.

      Elimina
  10. io non sprecherei il mio ultimo viaggio sfidando le colonne d'Ercole...
    sarebbe come una missione suicida...
    e sarebbe uno stillicidio far diventare anche il viaggio uno strumento di morte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutta la vita altro non è che un lungo viaggio nel corso degli anni. Attraversare le colonne d'Ercole sarebbe un suicidio?
      Ma in fondo non è alla morte che siamo tutti destinati?
      Iniziare la vita stessa è una dichiarazione di volontà di morire.

      Elimina
    2. ma tu l'hai mai vista la morte in faccia?io so cos'è la morte...l'ho sfiorata perchè l'ho cercata e quando sono stata salvata ho capito che dietro la voglia di morire si nasconde il desiderio di cambiamento...non so ancora in che direzione cambiare...il mondo non lo cambi,puoi cambiare solamente te stesso.per te in che maniera la vita sarebbe piacevole?
      perchè io non riesco a trarre piacere dalla vita a parte il cibo .
      tornando al viaggio prova a chiederti'il viaggio per me è fonte di piacere?"

      Elimina
    3. Ricercare la morte è un conto. Non temerla è un altro.
      Non ho mai cercato la morte e se avessi voluto trovarla, non sarei qui a scriverne.
      La morte mi è passata accanto un paio di volte, sì. A tratti più vicina, a tratti più lontana. Volendoci riflettere, ogni giorno potrebbe sorprendermi con una semplicità imbarazzante.

      Detto questo, la morte è cambiamento, non solo desiderio di cambiamento. I più tendono a credere che la morte sia la fine, io penso sia solo una fase di transito come tante altre.

      Elimina