lunedì 20 aprile 2015

Sì, sono qui.

No, non sono scomparso.
O meglio, sì, sono scomparso.
In questi giorni ho avuto davvero poco tempo epr me stesso. Sono a malapena riuscito a scrivere l'ultimo post e non ho nemmeno avuto la decenza di passare a visitarvi, nonostante mi aveste scritto.
E vi chiedo scusa.

Novità?
Sì e no, in effetti.
Forse un minimo di consapevolezza in più su alcune cose.

Chi mi ha scritto che non risciò più a staccarmi dalla gattina ha ragione. Nonostante sia passata solo una settimana, mi sembra che faccia parte della mia quotidianeità da "sempre", per così dire.

Non so se riesco ad immaginare di svegliarmi e non vederla appallottolata nella sua cuccia, subito sotto al mio letto.
L'altra notte son tornato tardi a casa e lei dormiva.
Ho fatto piano, per non svegliarla e non disturbarla ma ovviamente ad un certo punto si è svegliata. Sarà stata la penombra, sarà stata suggestione, sarà ciò che volete ma giurerei che mi abbia sorriso, lieta di notare che fossi tornato a casa, come se fosse tranquilla ora che ero a casa e potesse riprendere a sognare serenamente.


Ogni giorno che passa i suoi occhi cambiano di colore. Ma cambiano moltissimo. Li ho visti passare dal verde chiaro al marrone scuro, fino ada verli per metà verdi e metà azzurri. Vuoi che sia la luce, vuoi che sia l'umore, vuoi, ancora, che sia suggestione, ma cambiano ed è uno spettacolo afascinante ogni giorno che passa.

Per giovedì ho organizzato una festa con degli amici, per "presentarla" al mio mondo.

Posso solo supporre cos'abbia visto attraverso i suoi cinici occhi felini.
Ha scrutato le persone che hanno varcato la soglia di quella che una volta era casa mia e che, per ora, è casa "nostra". Ha accettato entrassero, perché erano "miei ospiti" e si è mostrata tranquilla, nonostante tanta gente la mettesse in agitazione.
Cos'hai visto attraverso le tue pupille cangianti?
Hai visto alcuni membri della mia famiglia, hai visto alcuni amici ed alcuni conoscenti che girano attorno a me. Hai riconosciuto le emozioni delle persone nella stanza ed hai capito per lo più quali fossero le mie verso di loro.
Sei rimasta lì, in un angolo ad osservare.
Per puro caso, o forse no, chissà, nell'angolo opposto a quello dove mi trovavo io, intento a cucinare per tutti, senza sosta.
"Cosa ti spinge a cucinare per tutti loro?"
Avrai forse voluto chiedermi.
Un giorno forse capirai quale miscela di emozioni venga prodotta dentro di me quando cucino per tante persone a me più o meno care. Il piacere di vederle soddisfatte, sazie, appagate dal cibo.
Sì, piccola, io chiamo te gatta ma forse sono più animale di quanto tu non immagini, dal momento che mi relaziono con gli altri tramite il cibo.

Forse un giorno ti accorgerai anche del fatto che, sì, sono io ad offrirti una casa e del cibo ma non sei tu ad aver bisogno di me nella tua vita.
E se anche questo difficilmente te lo dirò, io credo che tu lo abbia già avvertito, attraverso quelle piccole finestrelle colorate, tramite le quali osservi il mondo che ti circonda.


19 commenti:

  1. Negli occhi del gatto si trovano numeri d'oro, diceva Neruda.
    Anche io sono stato assente e mi ero perso questo spettacolo!! Grande App, bella scelta (ma ricorda che in realtà sei stato scelto!^^)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A conti fatti ha scelto davvero lei. Più di quanto non si pensi.

      Perché sì, tutto ciò che ho scritto corrisponde al vero, ma fra una riga e l'altra c'è scritta la vera realtà delle cose.

      Elimina
  2. Amo tantissimo i gatti e ne ho avuti parecchi, ti capisco perfettamente :) anche i miei sembra che sorridano quando rientro a casa, chiaramente non sorridono ma fanno proprio un'espressione simile socchiudendo gli occhi. Ed è vero che gli occhi cambiano colore, Linus per esempio aveva gli occhi azzurrissimi da piccolo, poi li ha avuti verdi e ora sono gialli. Sono creature davvero affascinanti.

    RispondiElimina
  3. Non c'è amore più sincero che quello per gli animali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è amore più sincero di quello per il cibo.

      Elimina
  4. Non mi viene in mente nessun animale piú bello del gatto... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gatto è sempre la donna più bella in una sanza.

      Elimina
    2. C'è una favola di La Fontaine, "la gatta cambiata in donna"...

      Davvero illustrativa, e breve, dacci un'occhiata se riesci ;-)

      Elimina
  5. "Negli occhi di un gatto ci si perde"

    Anche se non durerá per molto tempo, coccola, vivi con la tua gattina come se fosse per sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.

      Elimina
  6. Ma cosa mi stavo perdendo!!
    Hai preso una gattina!!!!! Bravissimo!
    Non potrei essere più felice per te, e ne sei già innamorato, come da manuale. sono anime pure loro, bastano poche ore per rendersi conto di come posso cambiarti dentro. Ok, ora la smetto. anche perchè ho letto che si tratta di una cosa provvisoria? e perchè? valuta bene, lei sicuramente ti considera già "suo".
    Bravo bravo bravo Apprendista!

    ps anche io sono mancata dalla piattaforma ultimamente, rimedieremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provvisorio perché è solo finché la padrona non si trasferisce del tutto. Poi dovrò lasciarla andare nella sua vera casa...

      Elimina
  7. io ci credo potrebbe averti sorriso....è una sensazione che conosco molto bene ^_^

    RispondiElimina