domenica 5 luglio 2015

Part 1 - The Cat

Alcuni ricorderanno, altri no, che ho "adottato" una gatta, che è entrata a far parte della mia quotidianeità a partire dal 10 di aprile.
Patti chiari, amicizia lunga, dico sempre io e fra noi i patti erano chiarissimi e le intenzioni lo erano anche di più.

Doveva essere un'ospitalità temporanea nell'attesa che trovasse un alloggio proprio ed adatto a sé.
Certo sapevamo ci sarebbe voluto del tempo (si pronosticava che avrebbe cominciato a cercare una casa dove trasferirsi alla fine dell'estate, per darle il tempo di metter via un paiodi stipendi per le prime mensilità).
Ovviamente così non è stato, perché le cose attorno a me si muovono secondo un'orbita stravagante.
Seguendo i miei ritmi ed il modus operandi totalmente casuale degli avvenimenti attorno a me, un'amica mi aveva paragonato a Plutone (inteso come il pianeta) per la sua orbita bizzarra ed apparentemente "ad mentula canis", se paragonata a quella degli altri pianeti.

Cosa sarà mai successo?

Che tempo un mese e mezzo, la gatta ha trovato la casa dove vivere. O, per meglio dire, ha trovato un moroso con la casa propria in cui convivere.
Quando l'ho raccontato, la domanda spontanea è stata "Ma quindi si trasferisce?"
La risposta è sempre la stessa: "no."

Forse potevamo prevederlo, forse no, non lo so.
Però a convivere con una persona finisci con il non sopportarla o con il volerle bene. Poi dipende quanto inizi a volerle bene.
Se prima era il mio gatto, ora lo è doppiamente. Dal vivere con me siamo passati al "vivere assieme", o comunque di provare a farlo, perché in fin dei conti, anche se non lo sapevamo davvero (o fingevamo di non accorgercene) nelle ultime settimane era come se stessimo assieme senza star assieme.
No: non pensate male.
Non mi riferivo a quello. Mi riferisco alle piccole cose.
Il caffé alla mattina, le brioches alla sera, un abbraccio quando uno dei due esce.
Piccole cose, tante piccole cose che forse avremmo potuto notare prima e non avremmo aspettato un tramondo di fine maggio in riva al mare per stare insieme.

Ho lasciato passare tanto tempo che ormai è passato poco più di un mese da quella sera bizzarra.

N- Penso dovresti essere un'idiota per iniziare una relazione con me.
K- Questa è un'affermazione o è una proposta?
N- Potrebbe essere entrambe le cose. Cosa risponderesti?
K- Che ti posso dire? Sono un'idiota...

12 commenti:

  1. Un esito prevedibile... E bello.
    In bocca al lupo nocchiero!! ;-*

    RispondiElimina
  2. Ma quindi...?!
    Che cosa romantica...*.*

    RispondiElimina
  3. Ci avrei scommesso!! ;)

    Che romanticoni!!

    RispondiElimina
  4. ma bravooooooooooo!!! Sono orgogliosa di te!!
    una fotina una volta ce la fai vedere??
    un bacione alla tua amata!

    RispondiElimina
  5. Ti ha adottato... ;)
    Io non ho disponibilità di poter tener un animale in casa, ma sicuramente dev'essere bello.

    RispondiElimina
  6. Io lo sapevo che ti facevi la gatta...

    RispondiElimina
  7. Apprendista nocchiero - io conoscendo i gatti e quando sanno essere amabili penso che quello che ti è successo fosse altamente prevedibile. Se inizi a viverci insieme ti innamori di quelle bellissime e dolci creaturine pelose - forse a volte un pò egoiste ma adorabili e dolcissime. Un saluto e Buona mese di luglio
    W i gatti !

    RispondiElimina
  8. Vorrei tanto avere un gatto qualsiasi cosa comporti ^^.
    Buona serata e a presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina