mercoledì 3 dicembre 2014

Bicchiere mezzo pieno...o mezzo vuoto...

Non so cosa sia successo, non con precisione.
So che l'ultimo mese è..confuso, per lo più.

Le mie giornate sono vuote, prive di scopo e di significato. Non ricordo l'ultima notte in cui io abbia dormito senza svegliarmi a metà una o più volte.

Non so cosa ci sia attorno a me e se questa vita abbia un significato oppure no.
Non so chi ci sia attorno a me e so che chi mi chiede fiducia non ne merita: gielo leggo negli occhi.

Sono nervoso, impulsivo, irritabile ed irritato.

Non ho mai smesso di offrirmi al vino ma ora mi ritrovo a berne per rilassare in nervi, come non ricordo capitasse da molto tempo. Funziona? A tratti sì. Per un paio d'ore i nervi sono distesi e rilassati, poi torno a sentire la tensione nelle mie corde, come un cappio che stringe attorno ad ogni mio nervo.

Due dita di grappa e tutto svanisce, come per incanto.

Ma quanto durerà? Quanto passerà, prima che non bastino più due dita e serva la bottiglia intera?

Guardo il bicchiere rimasto: l'ultimo della bottiglia. E' pieno solo per metà e so che non dovrei berne altro. Dovrei dormire qualche ora, sperando che Morfeo voglia esser clemente con me e lasciarmi nell'oblio.

Chissà cos'è quel vuoto che riempie il bicchiere là dove non c'è del vino.
Presto quel vuoto riempirà l'intero bicchiere, perché intendo svuotare il vetro e filare a nanna.

Buonanotte a tutti...

Ad ognuno i propri pensieri...

...ed il bicchiere non è più mezzo pieno...

26 commenti:

  1. Bevo poco. E il Nobile di Montepulciano aperto ieri in onore di patate e spiedini è stato propedeutico a un ricco sonno. Poi mi sveglio presto ma questo è un altro discorso. Ed anche qua c'è da studiarselo il concetto di mezzo vuoto e mezzo pieno, ma è sempre il punto di vista a riempire e svuotare. In tutto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Lascia stare il bicchiere: pensa alla bottiglia" mi diceva un maestro

      Elimina
  2. Io sono più per il bere per far baldoria, che per dimenticare.
    Consiglio? Valeriana per dormire. O melatonina. I disturbi del sonno sono devastanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh... mi avevano dato tregua nell'ultimo anno...
      Bere per dimenticare? Naa, non è per me. Bevo per distendere i nervi ed i muscoli, provati dalle giornate...

      Elimina
  3. Il fatto è che non puoi accelerare il processo. Ci sono varie fasi e tutte -ahimé- da viversi.
    Ma passeranno, e guarderai a questo momento con sereno distacco :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto scorre e non ci si bagna mai nello stesso fiume.
      Eraclito insegna e noi apprendiamo.

      Però i miei reumatismi risentono di tutta quest'acqua...

      Elimina
  4. ..quanto me piace il mikimoz-pensieropositivo... ;)

    RispondiElimina
  5. Spero che non arriverai all'intera bottiglia :( provare a fare lunghe passeggiate potrebbe aiutarti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cammino tutto il giorno... Camminare anche alla sera non mi sembra una buona opzione...

      Elimina
  6. Passeggiate e tanta compagnia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La compagnia è relativa, quando ci si sente soli anche circondati da persone.

      Elimina
    2. Se non cominciamo a farci compagnia da noi, tutto il resto è palliativo ;)

      Elimina
  7. Non sarai mai solo, indipendentemente dalle cazzate che scrivo in fb, sai che se vuoi io ci sono sempre per te, anche solo per bere un bicchiere di vino insieme e per farti un po' di compagnia, nulla più.
    Coraggio bel nocchiero, supererai anche questa, ti abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le "cazzate" che scrivi e condividi su fb sono "pensieri" non più o meno seri di quelli che scrivo qui io.

      Elimina
    2. ok, però non fare finta di non sapere che per te farei di tutto, sai benissimo quanto bene ti voglio

      Elimina
  8. Se si beve troppo e ci si corica si sta molto peggio...bisogna vedere quanto è troppo.
    Invece di dialogare col bicchiere, parlare con qualcuno, magari noioso, così mette sonno..
    Fata C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La regola di norma direbbe così, eppure bevendo un bicchiere o due, alla notte dormo come un bambino...

      Elimina
  9. Risposte
    1. Confermo i tre evita.

      E poi l'alcool è pure dispendioso, meglio spenderli per fare beneficenza, che fa anche meglio.

      Scrivi e lascia il bicchiere tutto pieno, è meglio. E più appagante.

      Elimina
  10. guarda, io, ciclicamente, mi ritrovo come te.
    Cerco di dare un senso alle cose, sono depresso e scazzato e spento.
    Però il vino aiuta.

    Ti dirò di più, da ragazzino bevevo senza controllo ora, invece, ci sono delle cazzo di giornate in cui so che mi serve un bicchiere di rosso e, quasi sempre, quel bicchiere di rosso mi rilassa effettivamente.
    Poi non ho bisogno di berne 10 o 15.
    Ne ho bevuto uno e sto meglio. fine.
    A volte serve solo a sbloccarmi, a farmi scrivere qualcosa.

    Certo, non mi sento di consigliarti di iniziare a bere un bicchiere di rosso al giorno...
    ma..
    beh.. con me funziona!

    RispondiElimina
  11. Risposte
    1. Siamo vivi nel senso biologico del termine?
      Sì, lo siamo.

      Prometto che torno. Ho tanto da scrivere e poco tempo/voglia per farlo, ma ci sono.

      Elimina
  12. Stai bene?
    Un po' lungo il tuo silenzio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ti chiedo scusa. Cerco pezzi di me stesso.

      Elimina
  13. Concordo con Mia, anche se certi silenzi sono pieni di parole scritte che tracimano, comunque, invadendo il nostro andare a cercarle...

    RispondiElimina